Cos'è la Secchezza Oculare-DED

Classificazione & Cause del Dry Eye Disease - DED

Sicuramente l'ambiente esterno ha un ruolo tutt'altro che marginale nella stimolazione dell'insorgenza delle manifestazioni della Secchezza Oculare, sia dovuta a Ridotta Produzione di film Lacrimale sia ad Aumentata Evaporazione del film Lacrimale.                                        

Ricordiamo che per una corretta gestione della DED è fondamentale capire quali sono le Cause che hanno portato alla cheratocongiuntivite sicca: DEFICIT DI PRODUZIONE o AUMENTATA EVAPORAZIONE.

 

Esistono TEST appositi, sia oftalmici sia sistemici, che ci permettono di comprendere il Deficit scatenante e se esso sia prettamente oculare (disfunzioni della ghiandole di Meibomio, alterazioni palpebrali, alterata sensibilià corneale) oppure  si correli a patologie sistemiche, note oppure ancora misconosciute quali:

- Patologie Autoimmuni: Sindrome di Sjogren, Artrite Reumatoide, Lupus Eritematoso Sistemico, Panarterite Nodosa, Granulomatosi di Wegener, Sclerodermia, Connettiviti, Sarcoidosi.

- Endocrinopatie: Disfunzioni tiroidee, Diabete Mellito.

- Patologie Infettive: epatopatia cronica HCV correlata, AIDS.

Meccanismi che portano al DED


Lo schema di classificazione (v. figura sotto) raffigura uno schema basato sulle eziologie prevalenti, ma spesso sovrapposte, dell’occhio secco da scarsa componente acquosa ed evaporativo.

All’EDE viene dedicata un’area più ampia nel diagramma rispetto ad ADDE, in riconoscimento del fatto che, stando alle conoscenze attuali, la componente evaporativa risulta più comune della (scarsa) componente acquosa nella DED [DEWS II]. Infatti, il Meibomian Gland Disease (MGD), un fattore che contribuisce all’EDE, è considerata la principale causa dell’occhio secco in studi clinici basati su popolazioni.  Tuttavia, è nota la probabilità che, nel corso della progressione della malattia, entrambe le componenti diventino clinicamente evidenti.

L’occhio secco da scarsa componente acquosa descrive condizioni che interessano la ghiandola lacrimale, mentre si ritiene che l’occhio secco evaporativo si verifichi in presenza di condizioni che interessano la palpebra (per es., MGD ed anomalie dell’ammiccamento) o la superficie oculare (per es. correlate alla carenza di mucina o all’impiego di lenti a contatto).

Un’ulteriore analisi dettagliata di eziologia viene fornita nella relazione sulla Patofisiologia che è fondamentale per una corretta gestione mirata al ripristino del film lacrimale e dell’omeostasi della superficie oculare.

Segni e Sintomi DED

 Durante l'ultimo Workshop sul DED, il DEWS II,  non si parla più solo di sintomi oculari aspecifici quali, iperemia congiuntivale,  annebbiamento visivo, discomfort oculare, alterata lacrimazione oculare, ma si introduce anche il più ampio capitolo del DOLORE o meglio di pazienti:

 Con Sintomi senza segni: (dolore neuropatico)

in cui i sintomi del dolore oculare sono sproporzionatamente superiori ai segni clinici e si tratta quindi di pazienti che presentano un dolore neuropatico dovuto a lesione o malattia del sistema somatosensoriale.

Con  Sintomi senza segni: condizione preclinica dell’occhio secco

quando i sintomi sono intermittenti, possono indicare una condizione di occhio secco preclinico, ovvero uno scenario con occhio secco episodico emergente. 
 

Con Segni senza sintomi: riduzione della sensibilità corneale

tale condizione spesso si verifica in pazienti con DED di lunga durata che presentano ridotta sensibilità corneale. 

 

Con Segni senza sintomi: predisposizione all’occhio secco

notiamo durante le visite preoperatorie a volte dei cambiamenti della superficie oculare, anche in assenza di sintomi, che potrebbero mettere il paziente a rischio di sviluppare DED sintomatica successivamente all’evento chirurgico!

Fattori di rischio


Come si evince da questa Tabella, creata in occasione del Workshop Internazionale sull'Occhio Secco (DEWS Report 2007), esistono vari FATTORI DI RISCHIO correlabili, con maggior o minor evidenza, con questa patolgia oculare. Ognuno di questi va ricordato e preso in considerazione quando ci si pone di fronte a questa forma di Congiuntivite Cronica.

 

Epidemiologia

I dati epidemiologici sulla Secchezza Ocuare (DED) ricavati in questi utlimi anni mostrano un'incidenza (numero di nuovi casi di malattia) in costante crescita, con una prevalenza per la fasce di età media (50 aa), soprattutto di sesso femminile.

 

Qeusta patologia, soprattutto nelle sue manifestazioni più severe, influenza pesantemente la Qualità della Vita (QoL) dei pazienti che ne sono affetti, in quanto i sintomi irritativi della DED possono essere francamente disabilitanti e procurare effetti fisici e psicologici (talvolta addirittura paragonabili a quelli generati in pz affetti da angina) che influiscono drasticamente sulle interazioni sociali e lavorative, implicando quindi anche un impatto notevole a carico del Sistema Sanitario Nazionale.